Lutto perinatale: rompiamo il silenzio

Ogni anno migliaia di donne e di coppie in Italia devono affrontare il lutto perinatale. Pur essendo un fenomeno frequente, questo dolore è ancora un tabù nel nostro Paese.

Tra strutture sanitarie inadeguate, personale poco formato e scarsa consapevolezza sociale, questo lutto ha spesso difficoltà a venire elaborato e puo diventare un trauma nella vita di molte donne

Abbiamo incontrato Claudia Ravaldi, medico psichiatra e psicoterapeuta e fondatrice dell’Associazione Ciao Lapo, un’organizzazione che dal 2006 ha lo scopo di accompagnare le coppie che si trovano confrontate a questa situazione difficile; ma che vuole anche dare voce e diritto di cittadinanza al lutto perinatale per fare uscire le donne dal senso di solitudine che molto spesso risentono nel vivere questa esperienza.

“ primo, grande vuoto, è quello lasciato da un figlio atteso, percepito e vissuto, che viene a mancare ancor prima di essere stato abbracciato.

Il secondo, desolante vuoto, quello scientifico e sociale, che accompagna troppo spesso i genitori che perdono un figlio in epoca perinatale: noi genitori senza figlio precipitiamo in una dimensione parallela, e sembriamo essere riabilitati (con riserva sulla nostra salute psichica) solo dopo la nascita di un ulteriore bambino. La pressione di questo vuoto, così stridente se paragonata all’esigenza di tempi e spazi per vivere ed elaborare il lutto, può notevolmente peggiorare l’evoluzione delle cose, e può contribuire allo sviluppo di malattie psichiche importanti (lutto complicato).”

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: