Il bravo pseudo intellettuale deve vergognarsi di guardare Sanremo?

Sono nata fallata. Non avevo neanche dieci anni quando mio padre mi dettava le poesie di Ungaretti e mia madre mi portava nei polverosi cinema d’essai del centro storico di Roma a vedere i film di Kurosawa in versione originale con sottotitoli in danese. Eppure, io ho sempre avuto un incomprensibile e autodidatta gusto perContinua a leggere “Il bravo pseudo intellettuale deve vergognarsi di guardare Sanremo?”